I libri che liberano le tue emozioni

Best Sellers

Alessia Roberta Scopece

Un invito, poi un viaggio

Quattro ragazzi che insieme, con i loro strumenti, hanno suonato in tre continenti e condiviso il palcoscenico con alcune delle più famose band mondiali riescono a portare oltre 200 giovani in Terra Santa. Otto giorni di meraviglia, amicizia e nuove consapevolezze trascorsi in uno dei luoghi più ricchi di Storia del pianeta vengono raccontati con ironia e profondità riflessiva nelle pagine di questa graphic novel.

 

Foggiani

«Quando un cambiamento avviene in un modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita  nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta». Olivier Clerc, "Storia di una ranocchia"

 

Il Maestro Rotelli

ù"Il Maestro Rotelli" vuole essere un omaggio ad un conterraneo artigiano del linguaggio, ad un’artista del verso che, come altri della sua generazione, scrive per dovere morale. È concepito per celebrare l’eclettismo, la mitopoiesi e soprattutto l’onestà e il coraggio di un poeta e di un uomo d’altri tempi, vissuto a Torremaggiore.

 

Ricordare...

Cosa spinge una persona a scrivere del proprio paese? Senz’altro l’amore che nutre per la sua comunità dove è nato, cresciuto e continua, pur con grandi sacrifici, a vivere. Ma non è solo questo.

 
Sabato 20 e domenica 21 settembre

Che la grande festa degli italiani cominci: a Peterborough

17/09/2014

And then without further ado, the Italian Festival will return for its sixth year on 20 and 21 September. New for this year are performances by a Sicilian brass band and Italian pop group, boxing demonstrations and a display of Italian cars. Also returning is a pop-up restaurant on Cathedral Square on the Saturday night. Peterborough is set to host a feast of all things Italian with the city’s two-day Italian Festival returning to Cathedral Square on Saturday 20 and Sunday 21 September 2014.

 
  • L’indagine relativa agli aspetti strutturali, linguistici e tematici delle sezioni della fabula terenziana, che maggiormente hanno influenzato la stesura di Molière, gettano luce sulla fucina dove ha lavorato il commediografo francese, che sapientemente ha adattato molteplici elementi e ha ‘confuso’ echi antichi e moderni, dotandoli di stilemi comici personalissimi.

    n., Processo farsa: un'invenzione di Terenzio e Molière

Prezzo di vendita 15,00

Commenti 0

Dettaglio prodotto

ISBN 9.788.865.721.865

Collana Echo

Anno Pubblicazione 30/11/2016

Paese di pubblicazione Italia

Legatura Brossura

Dimensioni 14x21

N° Pagine 112

Lingua Testo italiano - latino - francese

Disponibilità Si

Processo farsa: un'invenzione di Terenzio e Molière

Esprimi il tuo giudizio

Dal Phormio a Les fourberies de Scapin

L’indagine relativa agli aspetti strutturali, linguistici e tematici delle sezioni della fabula terenziana, che maggiormente hanno influenzato la stesura di Molière, gettano luce sulla fucina dove ha lavorato il commediografo francese, che sapientemente ha adattato molteplici elementi e ha ‘confuso’ echi antichi e moderni, dotandoli di stilemi comici personalissimi.

Il volume si compone di due saggi. Il primo, “Terenzio, Phormio e le ragioni di un imputato”, intende offrire una chiave di lettura che consente di decifrare l’intelaiatura retorico-giudiziaria utilizzata da Terenzio per dar vita al confronto dialettico tra i personaggi; nella circostanza, infatti, il commediografo latino si è appropriato, in chiave dissacrante e parodica, di formule e pratiche forensi, con il corredo di status causae e reticoli argomentativi ad essi correlati, sullo sfondo di un intricato casus giuridico: l’avvenuto matrimonio di un giovane senza il consenso paterno. Il secondo saggio, “Molière, ‘avvocato’ di Terenzio”, si concentra, invece, sulla riscrittura del Phormio realizzata da Molière nella commedia Les fourberies de Scapin. L’indagine relativa agli aspetti strutturali, linguistici e tematici delle sezioni della fabula terenziana, che maggiormente hanno influenzato la stesura di Molière, gettano luce sulla fucina dove ha lavorato il commediografo francese, che sapientemente ha adattato molteplici elementi e ha ‘confuso’ echi antichi e moderni, dotandoli di stilemi comici personalissimi. Si tratta di portare alla luce un ulteriore tassello per la comprensione della tecnica compositiva di Molière e, al contempo, dell’incidenza di Terenzio sulle riformulazioni letterarie di età successive.

Nella stessa collana: