I libri che liberano le tue emozioni

Best Sellers

Scelti da voi

Didone

di Maria Nicole Iulietto

Didone

 
Alessia Roberta Scopece

Un invito, poi un viaggio

Quattro ragazzi che insieme, con i loro strumenti, hanno suonato in tre continenti e condiviso il palcoscenico con alcune delle più famose band mondiali riescono a portare oltre 200 giovani in Terra Santa. Otto giorni di meraviglia, amicizia e nuove consapevolezze trascorsi in uno dei luoghi più ricchi di Storia del pianeta vengono raccontati con ironia e profondità riflessiva nelle pagine di questa graphic novel.

 

Foggiani

«Quando un cambiamento avviene in un modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita  nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta». Olivier Clerc, "Storia di una ranocchia"

 

Il Maestro Rotelli

ù"Il Maestro Rotelli" vuole essere un omaggio ad un conterraneo artigiano del linguaggio, ad un’artista del verso che, come altri della sua generazione, scrive per dovere morale. È concepito per celebrare l’eclettismo, la mitopoiesi e soprattutto l’onestà e il coraggio di un poeta e di un uomo d’altri tempi, vissuto a Torremaggiore.

 

Ricordare...

Cosa spinge una persona a scrivere del proprio paese? Senz’altro l’amore che nutre per la sua comunità dove è nato, cresciuto e continua, pur con grandi sacrifici, a vivere. Ma non è solo questo.

 
Sabato 20 e domenica 21 settembre

Che la grande festa degli italiani cominci: a Peterborough

17/09/2014

And then without further ado, the Italian Festival will return for its sixth year on 20 and 21 September. New for this year are performances by a Sicilian brass band and Italian pop group, boxing demonstrations and a display of Italian cars. Also returning is a pop-up restaurant on Cathedral Square on the Saturday night. Peterborough is set to host a feast of all things Italian with the city’s two-day Italian Festival returning to Cathedral Square on Saturday 20 and Sunday 21 September 2014.

 
  • «A molti, individui o popoli, può accadere di ritenere, più o meno consapevolmente, che “ogni straniero è nemico”. Per lo più questa convinzione giace in fondo agli animi come una infezione latente; [...] quando questo avviene, [...] allora, al termine della catena, sta il Lager» (Primo Levi, Se questo è un uomo, 1947).

    n., Multas per gentes: il confronto con l'altro

Prezzo di vendita 20,00

Commenti 0

Dettaglio prodotto

ISBN 9.788.865.721.933

Curatore Giovanni Cipriani - Carmela Robustella

Collana VestigiA

Anno Pubblicazione 18/01/2017

Paese di pubblicazione Italia

Legatura Brossura

Dimensioni 15x23

N° Pagine 164

Lingua Testo italiano

Disponibilità Si

Atti del convegno (Foggia, 23 maggio 2016)

Multas per gentes: il confronto con l'altro

Esprimi il tuo giudizio

Aspetti di cultura scientifica e umanistica e di intercultura

«A molti, individui o popoli, può accadere di ritenere, più o meno consapevolmente, che “ogni straniero è nemico”. Per lo più questa convinzione giace in fondo agli animi come una infezione latente; [...] quando questo avviene, [...] allora, al termine della catena, sta il Lager» (Primo Levi, Se questo è un uomo, 1947).

«Diomede aveva la consuetudine di dare in pasto alle sue cavalle i naufraghi che disgraziatamente si ritrovassero ad essere ‘spiaggiati’ sulle coste della Tracia. [...] Il comportamento di Diomede tracio è un atteggiamento – non saprei dire quanto esasperato – della xenofobia; una xenofobia che nella circostanza irride e stravolge l’istituto più importante nelle relazioni dei popoli fra loro: l’ospitalità. La disumanità di Diomede insomma è ancora più toccante perché passa attraverso una sembianza di umanità, una finta offerta di regole e di istituti rassicuranti come l’hospitium, prima di diventare crudeltà e malafede, un binomio che rivela quanto poco ci interessi l’alter ego, per non dire quale carica di ostilità (vi comprendo anche l’indifferenza) produce in noi l’incontro con l’altro, quale presunzione di primato della nostra identità ci porti o ad allontanarlo o a favorire la sua miserabile fine».

Contiene i contributi di:

-  Prefazione di Grazia Maria Masselli pag. 5

- Introduzione di Giovanni Cipriani           9

- Analisi dei bisogni e dello stato di salute fisicae mentale dei migranti di Antonello Bellomo, Donato Favale et alii 13

- Il nostos negato e l’esule moderno. Dall’Ulysses di Joyce a Eyes wide shut di Kubrick di Teresa Loredana Cassano 29

- Un nesso controverso: migrazioni, sviluppo e politiche migratorie di Alida Clemente 47

- Virgilio e la fabula archetipica del migrante: riscritture intersemiotiche di Andrea Musio 75

- Lo stato di salute dei migranti: capire, spiegare, agire di Rosa Prato et alii 105

- Il panico straniero di Patrizia Resta 115

- Immigrazione e limiti alla libera circolazione nell’Unione europea di Gianpaolo Maria Ruotolo 137

- Immigrazione e agricoltura: analisi economica di Fabio Gaetano Santeramo 145

- Eroi stranieri di Giuseppe Solaro 153

Nella stessa collana: