I libri che liberano le tue emozioni

Best Sellers

Alessia Roberta Scopece

Un invito, poi un viaggio

Quattro ragazzi che insieme, con i loro strumenti, hanno suonato in tre continenti e condiviso il palcoscenico con alcune delle più famose band mondiali riescono a portare oltre 200 giovani in Terra Santa. Otto giorni di meraviglia, amicizia e nuove consapevolezze trascorsi in uno dei luoghi più ricchi di Storia del pianeta vengono raccontati con ironia e profondità riflessiva nelle pagine di questa graphic novel.

 

Foggiani

«Quando un cambiamento avviene in un modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita  nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta». Olivier Clerc, "Storia di una ranocchia"

 

Il Maestro Rotelli

ù"Il Maestro Rotelli" vuole essere un omaggio ad un conterraneo artigiano del linguaggio, ad un’artista del verso che, come altri della sua generazione, scrive per dovere morale. È concepito per celebrare l’eclettismo, la mitopoiesi e soprattutto l’onestà e il coraggio di un poeta e di un uomo d’altri tempi, vissuto a Torremaggiore.

 

Ricordare...

Cosa spinge una persona a scrivere del proprio paese? Senz’altro l’amore che nutre per la sua comunità dove è nato, cresciuto e continua, pur con grandi sacrifici, a vivere. Ma non è solo questo.

 
Sabato 20 e domenica 21 settembre

Che la grande festa degli italiani cominci: a Peterborough

17/09/2014

And then without further ado, the Italian Festival will return for its sixth year on 20 and 21 September. New for this year are performances by a Sicilian brass band and Italian pop group, boxing demonstrations and a display of Italian cars. Also returning is a pop-up restaurant on Cathedral Square on the Saturday night. Peterborough is set to host a feast of all things Italian with the city’s two-day Italian Festival returning to Cathedral Square on Saturday 20 and Sunday 21 September 2014.

 
  • n., L'arte di vendere l'arte

Prezzo di vendita 10,00

Commenti 0

Dettaglio prodotto

ISBN 9.788.888.021.829

Collana I quaderni della comunicazione

Anno Pubblicazione 20/04/2010

Paese di pubblicazione Foggia, Italia

Legatura Brossura

Dimensioni 14x21

N° Pagine 70

Tipo edizione Corredo documentale

Numero edizione I

Lingua Testo Italiano

Disponibilità Si

Spese di spedizione 0

Destinatari Pubblico generico

L'arte di vendere l'arte

Esprimi il tuo giudizio

La domanda può apparire irriverente ma, in un’epoca che dà valore a ciò che viene realmente percepito come tale, è indispensabile porsela: è giusto pensare alla cultura, in generale, e all’arte, in particolare, come ad un bene da vendere? La risposta è sì, se davvero consideriamo la cultura e, quindi, l’arte un bene; cioè se riteniamo che il patrimonio culturale e artistico, comunque sia consistente, debba esprimere un beneficio sia di elevazione spirituale che di ristoro economico. E quand’anche volessimo trarre dalla cultura esclusivamente un soddisfacimento spirituale e un indirizzo morale, dovremmo considerare l’importanza di renderne percepibile  i benefici.Ecco, allora, che l’accezione della parola “vendere” viene spogliata dal senso di mercificazione che l’accompagna per essere, piuttosto, considerata nelle dinamiche commerciali che, nel rendere apprezzabile qualsiasi prodotto, possono rendere attraente proprio ciò che di attrazione da parte della gente ha maggiormente bisogno: la cultura. Per ciò oggi si parla insistentemente di marketing culturale, e ci si adopera per intercettare le strategie più efficaci a far giungere al pubblico i messaggi idonei a veicolare il patrimonio culturale di cui si è a disposizione, con l’evidente obiettivo anche di ricavarne – come impone l’aspettativa di ogni operazione di vendita – un corrispettivo idoneo a sostenere, rafforzare, valorizzare l’immenso patrimonio culturale che si possiede e che finora proprio la penuria di risorse economiche ha reso negletto.Quindi, le domande a cui risponde questo libro sono essenzialmente legate alla consapevolezza della cultura come un bene da trasferire; alla necessità di individuare delle strategie opportune a rendere efficacemente percepibile questo bene; alla misurazione del riscontro che se ne ottiene rispetto all’offerta culturale; alla  fidelizzazione dell’attenzione rilevata nei riguardi del bene-cultura.

Nella stessa collana: