I libri che liberano le tue emozioni

Best Sellers

Scelti da voi

Alessia Roberta Scopece

Un invito, poi un viaggio

Quattro ragazzi che insieme, con i loro strumenti, hanno suonato in tre continenti e condiviso il palcoscenico con alcune delle più famose band mondiali riescono a portare oltre 200 giovani in Terra Santa. Otto giorni di meraviglia, amicizia e nuove consapevolezze trascorsi in uno dei luoghi più ricchi di Storia del pianeta vengono raccontati con ironia e profondità riflessiva nelle pagine di questa graphic novel.

 

Foggiani

«Quando un cambiamento avviene in un modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita  nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta». Olivier Clerc, "Storia di una ranocchia"

 

Il Maestro Rotelli

ù"Il Maestro Rotelli" vuole essere un omaggio ad un conterraneo artigiano del linguaggio, ad un’artista del verso che, come altri della sua generazione, scrive per dovere morale. È concepito per celebrare l’eclettismo, la mitopoiesi e soprattutto l’onestà e il coraggio di un poeta e di un uomo d’altri tempi, vissuto a Torremaggiore.

 

Ricordare...

Cosa spinge una persona a scrivere del proprio paese? Senz’altro l’amore che nutre per la sua comunità dove è nato, cresciuto e continua, pur con grandi sacrifici, a vivere. Ma non è solo questo.

 
Sabato 20 e domenica 21 settembre

Che la grande festa degli italiani cominci: a Peterborough

17/09/2014

And then without further ado, the Italian Festival will return for its sixth year on 20 and 21 September. New for this year are performances by a Sicilian brass band and Italian pop group, boxing demonstrations and a display of Italian cars. Also returning is a pop-up restaurant on Cathedral Square on the Saturday night. Peterborough is set to host a feast of all things Italian with the city’s two-day Italian Festival returning to Cathedral Square on Saturday 20 and Sunday 21 September 2014.

 
  • Cosa pretende il Mito da noi? E, soprattutto, cosa rappresentano per noi gli Eroi? Scoprilo nelle raccolta di poesie (in lingua italiana e spagnola), in un tipico andare in cerca di quei personaggi del mito (vecchi e giovani, re e regine, pastori e ninfe, empi e pii, vedovi e orfani, divinità dell’amore e dell’odio) che tante volte l'autore ha visto con gli occhi della mente

    n., Foresta di miti

Prezzo di vendita 15,00

Commenti 0

Dettaglio prodotto

ISBN 9.788.865.721.230

Collana Voci di dentro

Anno Pubblicazione 23/04/2014

Legatura Brossura

Dimensioni 14X21

N° Pagine 144

Tipo edizione Poesie in lingua italiana e spagnola

Lingua Testo Italiano e spagnolo

Disponibilità Si

Con prefazione di Giovanni Cipriani

Foresta di miti

Esprimi il tuo giudizio

Cosa pretende il Mito da noi? E, soprattutto, cosa rappresentano per noi gli Eroi? Scoprilo nelle raccolta di poesie (in lingua italiana e spagnola), in un tipico andare in cerca di quei personaggi del mito (vecchi e giovani, re e regine, pastori e ninfe, empi e pii, vedovi e orfani, divinità dell’amore e dell’odio) che tante volte l'autore ha visto con gli occhi della mente

Quello di Vicente, però, non è il vagare tipico del turista che aspira a visitare personalmente i luoghi di un passato lontano e sfigurato, ma ancora riconoscibile per chi ha ingenuità di cuore e sensibilità di udito; il suo invece è il tipico andare in cerca di quei personaggi del mito (vecchi e giovani, re e regine, pastori e ninfe, empi e pii, vedovi e orfani, divinità dell’amore e dell’odio) che tante volte ha visto con gli occhi della mente, ha cercato nel suo intimo di incoraggiare o di distogliere quando erano presi nel vortice della passione o erano alle prese con situazioni di singolare complessità, ha di volta in volta commiserato o invidiato a seconda che gli dèi fossero adversi o faventes. Lo attira la possibilità di dialogare più da vicino con loro, di chiedere asilo ‘poetico’ nella loro terra, di acquisire - se loro sinceramente ammetteranno di essere stati da lui amati e rispettati - la piena cittadinanza nella loro ‘patria’ e di ottenere il diritto ad usare la loro lingua e la loro cultura per vivere nella dimensione esistenziale più nobile, quella che assisteva all’invito rivolto dell’aedo perché ‘cantasse’ in versi le vicende eroiche di antenati illustri. Per Vicente questo ‘transfer’ ha davvero il sapore della riconquista di un passato che lui per primo vuole ancora continuare a vivere, ha il sapore di un ‘magico’ ritorno verso l’antica cultura, l’unica abilitata a garantire il futuro al cuore degli uomini.

(dalla prefazione di Giovanni Cipriani)

Nella stessa collana: