I libri che liberano le tue emozioni

Best Sellers

Scelti da voi

Alessia Roberta Scopece

Un invito, poi un viaggio

Quattro ragazzi che insieme, con i loro strumenti, hanno suonato in tre continenti e condiviso il palcoscenico con alcune delle più famose band mondiali riescono a portare oltre 200 giovani in Terra Santa. Otto giorni di meraviglia, amicizia e nuove consapevolezze trascorsi in uno dei luoghi più ricchi di Storia del pianeta vengono raccontati con ironia e profondità riflessiva nelle pagine di questa graphic novel.

 

Foggiani

«Quando un cambiamento avviene in un modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita  nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta». Olivier Clerc, "Storia di una ranocchia"

 

Il Maestro Rotelli

ù"Il Maestro Rotelli" vuole essere un omaggio ad un conterraneo artigiano del linguaggio, ad un’artista del verso che, come altri della sua generazione, scrive per dovere morale. È concepito per celebrare l’eclettismo, la mitopoiesi e soprattutto l’onestà e il coraggio di un poeta e di un uomo d’altri tempi, vissuto a Torremaggiore.

 

Ricordare...

Cosa spinge una persona a scrivere del proprio paese? Senz’altro l’amore che nutre per la sua comunità dove è nato, cresciuto e continua, pur con grandi sacrifici, a vivere. Ma non è solo questo.

 
Sabato 20 e domenica 21 settembre

Che la grande festa degli italiani cominci: a Peterborough

17/09/2014

And then without further ado, the Italian Festival will return for its sixth year on 20 and 21 September. New for this year are performances by a Sicilian brass band and Italian pop group, boxing demonstrations and a display of Italian cars. Also returning is a pop-up restaurant on Cathedral Square on the Saturday night. Peterborough is set to host a feast of all things Italian with the city’s two-day Italian Festival returning to Cathedral Square on Saturday 20 and Sunday 21 September 2014.

 
  • Una letteratura che non porti visibili i segni dell’evoluzione culturale di un popolo (in termini di ideologie, religioni, folclore, ambiente, architettura, arte e lingua) equivale - ci si perdoni il gioco di parole - a una letteratura ‘senza storia’. È indispensabile, dunque, ‘tornare indietro’ a sentire le voci di quegli uomini, senza penalizzanti distinzioni o esclusioni, e a percepire le loro ansie in termini di imitatio e aemulatio, prima di godere in piena consapevolezza della loro conseguita coscienza di impegnati esponenti culturali e prima di indagare le cause del loro successo fino a noi.

    n., Storia della Letteratura Latina

Prezzo di vendita 80,00

Commenti 0

Dettaglio prodotto

ISBN 9.788.865.721.438

Collana Respiri

Anno Pubblicazione 20/02/2015

Paese di pubblicazione Foggia, Italy

Legatura Cartonato, con cucitura filo refe

Dimensioni 15x23

N° Pagine 1.180

Numero edizione I

Lingua Testo Italiano

Disponibilità Si

Spese di spedizione 0

Destinatari Tutti

DI GIOVANNI CIPRIANI

Storia della Letteratura Latina

Esprimi il tuo giudizio

Una letteratura che non porti visibili i segni dell’evoluzione culturale di un popolo (in termini di ideologie, religioni, folclore, ambiente, architettura, arte e lingua) equivale - ci si perdoni il gioco di parole - a una letteratura ‘senza storia’. È indispensabile, dunque, ‘tornare indietro’ a sentire le voci di quegli uomini, senza penalizzanti distinzioni o esclusioni, e a percepire le loro ansie in termini di imitatio e aemulatio, prima di godere in piena consapevolezza della loro conseguita coscienza di impegnati esponenti culturali e prima di indagare le cause del loro successo fino a noi.

Un ‘nuovo’ manuale di letteratura può trovare una sua logica solo in una mutata - più moderna, oseremmo dire - percezione del rapporto con una civiltà, quale quella latina, che si è conservata e trasmessa fino a noi grazie alle ‘preziose’ pagine letterarie e alle testimonianze epigrafiche, certo, ma anche grazie ai commenti, alle glosse, agli scolii o, più in generale, alle riflessioni che su questa documentazione hanno lasciato studiosi di antiquaria e uomini di scuola di duemila anni fa. [...] Si tratta di condividere una più moderna interpretazione della didattica della letteratura, una didattica che miri scientificamente a ricostruire lo sfondo complessivo su cui una società intera e, soprattutto, alcuni suoi rappresentanti - da quelli entrati
a far parte subito dei programmi scolastici dei loro tempi agli altri che comunque si sono fatti promotori di una cultura sempre più autenticamente romana - hanno operato ora con cosciente e sofferta sudditanza nei confronti della letteratura precedente, ora con ricercati e laboriosi accenti di originalità.

Nella stessa collana: