I libri che liberano le tue emozioni

Best Sellers

Scelti da voi

Didone

di Maria Nicole Iulietto

Didone

 
Alessia Roberta Scopece

Un invito, poi un viaggio

Quattro ragazzi che insieme, con i loro strumenti, hanno suonato in tre continenti e condiviso il palcoscenico con alcune delle più famose band mondiali riescono a portare oltre 200 giovani in Terra Santa. Otto giorni di meraviglia, amicizia e nuove consapevolezze trascorsi in uno dei luoghi più ricchi di Storia del pianeta vengono raccontati con ironia e profondità riflessiva nelle pagine di questa graphic novel.

 

Foggiani

«Quando un cambiamento avviene in un modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita  nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta». Olivier Clerc, "Storia di una ranocchia"

 

Il Maestro Rotelli

ù"Il Maestro Rotelli" vuole essere un omaggio ad un conterraneo artigiano del linguaggio, ad un’artista del verso che, come altri della sua generazione, scrive per dovere morale. È concepito per celebrare l’eclettismo, la mitopoiesi e soprattutto l’onestà e il coraggio di un poeta e di un uomo d’altri tempi, vissuto a Torremaggiore.

 

Ricordare...

Cosa spinge una persona a scrivere del proprio paese? Senz’altro l’amore che nutre per la sua comunità dove è nato, cresciuto e continua, pur con grandi sacrifici, a vivere. Ma non è solo questo.

 
Sabato 20 e domenica 21 settembre

Che la grande festa degli italiani cominci: a Peterborough

17/09/2014

And then without further ado, the Italian Festival will return for its sixth year on 20 and 21 September. New for this year are performances by a Sicilian brass band and Italian pop group, boxing demonstrations and a display of Italian cars. Also returning is a pop-up restaurant on Cathedral Square on the Saturday night. Peterborough is set to host a feast of all things Italian with the city’s two-day Italian Festival returning to Cathedral Square on Saturday 20 and Sunday 21 September 2014.

 
  • Ripercorri la carriera e la vita dello storico capitano del Foggia calcio nel nuovo libro di Domenico Carella. Contiene oltre 400 immagini inedite dall'album dei ricordi della famiglia Pirazzini

    n., GI4NNI PIR4ZZINI

Prezzo di vendita 25,00

Commenti 0

Dettaglio prodotto

ISBN 9.788.865.721.216

Collana Il tempo e la memoria

Anno Pubblicazione 27/03/2014

Legatura Brossura

Dimensioni 17X24

N° Pagine 324

Tipo edizione Interamente a colori con foto inedite

Disponibilità Si

Con prefazione di Franco Ordine

GI4NNI PIR4ZZINI

Esprimi il tuo giudizio

Una vita da capitano

Ripercorri la carriera e la vita dello storico capitano del Foggia calcio nel nuovo libro di Domenico Carella. Contiene oltre 400 immagini inedite dall'album dei ricordi della famiglia Pirazzini

Un viaggio lungo 324 pagine nella vita di Gianni Pirazzini è quello che troveranno i lettori in "GI4ANNI PIR4ZZINI - Una vita da Capitano", il nuovo libro del giornalista Domenico Carella. Con la prefazione di Franco Ordine, il volume è interamente dedicato allo storico numero quattro, il capitano, il mito del calcio foggiano, per non disperdere l’immenso patrimonio che la storia della squadra di calcio cittadina ci offre. Domenico Carella ha raccolto una storia bellissima, degna di un film, ricca di colpi di scena e di momenti indimenticabili, raccontata in prima persona da Gianni Pirazzini, quel ragazzo biondo, nato sotto le bombe della seconda guerra mondiale, che divenne uomo stringendo al braccio un laccio bianco su una maglia rossonera, quella del suo Foggia. E che per l'occasione ha aperto il suo album dei ricordi di famiglia, regalando al lettore oltre 400 foto inedite.

 

«Mi è rimasto nel cuore, Pirazzini. Spero che questo volume faccia lo stesso effetto ai tanti foggiani che hanno visto Gianni vestire la casacca rossonera. Chi ne ha sentito solo parlare consulti questa fonte: troverà tracce di un tempo pieno di fermenti e di successi, visi smarriti di grandi imprenditori e di dirigenti illuminati, di tecnici e calciatori che hanno lasciato una scia distelline. Grande capitano mio, sei uno dei pochi che non mi ha mai deluso». dalla prefazione di Franco Ordine

 

Nella stessa collana: