I libri che liberano le tue emozioni

Best Sellers

Scelti da voi

Alessia Roberta Scopece

Un invito, poi un viaggio

Quattro ragazzi che insieme, con i loro strumenti, hanno suonato in tre continenti e condiviso il palcoscenico con alcune delle più famose band mondiali riescono a portare oltre 200 giovani in Terra Santa. Otto giorni di meraviglia, amicizia e nuove consapevolezze trascorsi in uno dei luoghi più ricchi di Storia del pianeta vengono raccontati con ironia e profondità riflessiva nelle pagine di questa graphic novel.

 

Foggiani

«Quando un cambiamento avviene in un modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita  nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta». Olivier Clerc, "Storia di una ranocchia"

 

Il Maestro Rotelli

ù"Il Maestro Rotelli" vuole essere un omaggio ad un conterraneo artigiano del linguaggio, ad un’artista del verso che, come altri della sua generazione, scrive per dovere morale. È concepito per celebrare l’eclettismo, la mitopoiesi e soprattutto l’onestà e il coraggio di un poeta e di un uomo d’altri tempi, vissuto a Torremaggiore.

 

Ricordare...

Cosa spinge una persona a scrivere del proprio paese? Senz’altro l’amore che nutre per la sua comunità dove è nato, cresciuto e continua, pur con grandi sacrifici, a vivere. Ma non è solo questo.

 
Sabato 20 e domenica 21 settembre

Che la grande festa degli italiani cominci: a Peterborough

17/09/2014

And then without further ado, the Italian Festival will return for its sixth year on 20 and 21 September. New for this year are performances by a Sicilian brass band and Italian pop group, boxing demonstrations and a display of Italian cars. Also returning is a pop-up restaurant on Cathedral Square on the Saturday night. Peterborough is set to host a feast of all things Italian with the city’s two-day Italian Festival returning to Cathedral Square on Saturday 20 and Sunday 21 September 2014.

 
  • La tv è fatta di riti, un po’ come il calcio. Ogni programma, come ogni partita, ha la sua liturgia, la sua scaletta da seguire e
    rispettare. Lo spettatore conosce i tempi. Il rischio, però, è che quella scaletta diventi routine e tutte le puntate finiscano per assomigliarsi. In questo si può dire che Turista per calcio sia stato un’eccezione: impossibile dire che vista una puntata, le hai viste tutte.

    n., Turista per calcio (e non per caso)

Prezzo di vendita 10,00

Commenti 0

Dettaglio prodotto

ISBN 9.788.865.722.220

Collana Il tempo e la memoria

Anno Pubblicazione 20/06/2020

Paese di pubblicazione Italia

Legatura brossura

Dimensioni 14x21

N° Pagine 76

Lingua Testo italiano

Disponibilità Si

Turista per calcio (e non per caso)

Esprimi il tuo giudizio

Dalla tv ai social, il programma in viaggio col Foggia

La tv è fatta di riti, un po’ come il calcio. Ogni programma, come ogni partita, ha la sua liturgia, la sua scaletta da seguire e
rispettare. Lo spettatore conosce i tempi. Il rischio, però, è che quella scaletta diventi routine e tutte le puntate finiscano per assomigliarsi. In questo si può dire che Turista per calcio sia stato un’eccezione: impossibile dire che vista una puntata, le hai viste tutte.

Un modo diverso di raccontare il calcio in tv. Questo è stato Turista per calcio, il programma tv, nato quasi per caso, inventato dal giornalista Michele Carelli che raccontò sull’emittente televisiva Teleradioerre, dal settembre 2001 fino al 2008, le trasferte del Foggia Calcio su e giù per l’Italia. Da Barcellona Pozzo di Gotto a Sesto San Giovanni, passando per Paternò e Reggio Emilia fino a Novara e Venezia: 90 puntate, 74 città, 7 campionati. A dodici anni dall’ultima puntata e per i 100 del Foggia Calcio la giornalista Mara Cinquepalmi propone un viaggio attraverso un’esperienza televisiva unica nel suo genere, che oggi prosegue sui social network. In queste pagine rivivono i protagonisti di quelle novanta puntate: città, luoghi, persone e stadi che hanno raccontato in modo ironico e insolito la provincia italiana del calcio. Turista per calcio (e non per caso) non è un’operazione nostalgia e nemmeno un diario del programma o delle stagioni del Foggia. Per quelle ci sono almanacchi o volumi dedicati. Il libro è un “viaggio di seconda mano” per mettersi in ascolto, (ri)vedere quell’Italia del calcio e scoprire un fenomeno, quello del “turismo per sport” e, in particolare, del “turismo per calcio”, sempre più diffuso nel nostro Paese all’insegna di marketing e tifo.

Nella stessa collana: